I 10 mercatini di Natale che non ti aspetti

  • No Comments
  • 2

Manca pochissimo a Natale e fra qualche giorno inizierà ufficialmente il periodo natalizio. Mentre pensate alla lista dei regali, ai pranzi mastodontici e all’ultimo gadget elettronico per i vostri pargoli, noi abbiamo pensato a stilare una lista dei 10 mercatini di Natale che non ti aspetti. Perché non esiste solo Innsbruck.

1. Birmingham, Regno Unito

Birmingham

Coi suoi 180 stand, il Frankfurt Christmas Market di Birmingham è il più grande mercatino di Natale di stile tedesco in Europa – ovviamente senza considerare quelli in Germania e in Austria. Accanto a questi si snoda il Christmas Craft Fair, dove artisti e artigiani locali vendono i loro prodotti. Da non perdere il Bratwurst (salsiccia di carne bianca o rossa) con Brezel (tipo di pane). Ovviamente, visto che siamo in Gran Bretagna, non mancano fiumi di Glühwein (vino cotto) aromatizzato e birre tedesche.

2. Budapest, Ungheria

Budapest

Budapest è già affascinante di suo, ma a Natale diventa ancora più irresistibile. Anche qui puoi trovare un mercatino di Natale tradizionale. Le finestre della Gerbeaud House compongono un enorme calendario dell’Avvento e le danze tipiche, la musica folk e i teatrini di marionette nella piazza di Vörösmarty aggiungono un retrogusto ungherese al tutto. Tutti i prodotti venduti qui sono fatti a mano dai membri dell’Associazione Ungherese di Artigiani. Assolutamente da non perdere sono i trdelník: dolci fatti di una pastella arrotolata intorno a una sorta di spiedo, cotti su fiamma e ricoperti di zucchero e granella di nocciole.

3. Barcellona, Spagna

Barcellona

La Fira de Santa Llúcia è il mercatino di Natale più famoso di Barcellona ed è anche uno dei più antichi in Spagna, risalente al 1786. Questo mercatino oramai conta più di 300 bancarelle che vendono decorazioni artigianali, regali e l’immancabile vischio. La figurina di Natale più famosa da queste parti e il caganer (cagatore), una figura con i pantaloni abbassati accovacciata sopra una cacca fumante, parte della tradizione catalana. Da non perdere il caga tió: tronchetto di Natale che nella tradizione viene “accudito” dal giorno dell’Immacolata fino alla vigilia di Natale (bisogna dargli da mangiare tutti i giorni e coprirlo con una coperta per ripararlo dal freddo) per poi venire bruciato nel camino e colpito con un bastoncino di legno. Se i bambini della casa pregano abbastanza con abbastanza convinzione, il tronchetto “cagherà” tanti regali di Natale.

4. Londra, Regno Unito

View of the traditional Christmas Market along the South Bank Queen's Walk  London at night looking through Xmas lights

Londra ha tanto da offrire nel periodo natalizio: dalle vetrine addobbate della sempre chic Bond Street, al parco natalizio Winter Wonderland di Hyde Park, ogni sobborgo ha il suo modo particolare di festeggiare il Natale. Per gli amanti della cultura però, il Winter Festival sul South Bank è assolutamente da non perdere. A parte il mercatino di Natale con piccoli chalet di legno che si snoda lungo il Tamigi, sono gli eventi culturali a farla da padrone. Mostre alla Hayward Gallery, concerti al South Bank Centre, spettacoli, letture, artisti di strada e tant’altro per accontentare i palati più raffinati. Da non perdere le mince pies fatte a mano (tortini di pasta frolla o sfoglia ripieni di frutta secca e spezie) e la cioccolata calda con i marshmallow.

5. Alto Adige, Italia

bolzano

Un po’ meno inaspettati, ma vale la pena visitare questi mercatini. Bolzano, Bressanone, Merano, Brunico e Vipiteno sono i luoghi con i mercatini più famosi. Dal vin brulé alle candele fatte a mano alle decorazioni tradizionali, tanti sono i prodotti che si possono acquistare nelle numerose bancarelle e tanti gli eventi in programma. Da non perdere: il Mercatino della Solidarietà e Il Bosco Incantato di Palais Campofranco a Bolzano.

6. Bratislava, Slovacchia

bratislava

Centinaia di bancarelle attendono turisti e visitatori nella piazza di Hviezdoslavovo nella parte vecchia di Bratislava. Sebbene questo mercatino si stia lentamente commercializzando, l’accento è ancora sul cibo e le tradizioni slovacche. Qui si può trovare tutto il necessario per decorare la propria casa, incluse le tradizionali decorazioni di paglia fatte da artigiani locali. Ceramiche, lavori in vetro e metallo completano il tutto.
Ovviamente, neanche qui manca il cibo e il pancake di patate è assolutamente da provare. Anche qui, punch caldo, vin brulé e cioccolata calda a volontà.

7. Salerno, Italia

salerno

Quando si parla di Natale, il sud Italia non è la prima destinazione che viene in mente, viste le temperature spesso quasi primaverili che si registrano a dicembre. Salerno però da anni cerca di farsi conoscere per le sue decorazioni di Natale e l’iniziativa delle Luci d’Artista va avanti sin dal 2006 e ha visto un gemellaggio con la città di Torino che ha avviato questa manifestazione culturale. A parte le luminarie, numerose bancarelle si trovano in giro per il centro storico con prodotti locali e artigianali provenienti da tutta la provincia. A pochi chilometri da Salerno c’è il mercatino di Pontecagnano in stile tradizionale tedesco, caratterizzato da eventi musicali e vendita di prodotti artigianali locali.

Curiosità: l’albero di Natale di 25m a Piazza Portanova a Salerno è l’albero di Natale artificiale più alto d’Italia.
Da non perdere: il Giardino Incantato al Centro Storico e alla Villa Comunale di Salerno.

8. Copenaghen, Danimarca

copenaghen

Come tante altre città europee, anche Copenaghen si riempie di decorazioni natalizie in questo periodo dell’anno. Ma, a differenza di tante, l’atmosfera è meno commerciale e molto più autentica (forse aiutata dalle temperature polari). Da metà novembre Tivoli si trasforma in un enorme paese del Natale, con un mercatino, cibi natalizi e un’infestazione di nisser (pixie danesi natalizie).
Il mercatino negli ultimi anni ha adottato un tema russo, con una replica della Cattedrale di San Basilio, ma le bancarelle sono adornate nello stile tipico danese e scandinavo. Ci sono anche una pista di pattinaggio sul ghiaccio, delle montagne russe e un parco a tema con bancarelle che vendono prodotti artigianali.

9. Isola di Jersey, Baliato di JerseyJersey

 

Jersey è una delle isole con governi autonomi situate nel canale della Manica. La Fête dé Noué si svolge nella prima metà di dicembre e, sebbene non sia caratterizzata da un grande mercatino, è nota per le numerose attività che si svolgono durante questo periodo. Concerti di Natale, passeggiate a caccia di fantasmi, festival artigianali sono solo alcuni dei divertimenti offerti dall’isola a ridosso delle festività natalizie.

10. Praga, Repubblica Ceca

prague

Praga vanta un numero di mercatini di Natale, con i più grandi situati nella piazza della città vecchia e a Wenceslaw Square. A parte i classici ricami, giocattoli di legno e oggetti in ferro lavorato, qui si possono trovare tante bambole e marionette vestite coi costumi tradizionali. Il cibo la fa da padrone però con arrosti di ogni tipo preparati in ogni angolo. Come dimenticare le famose birre ceche? Fusti e fusti di Staropramen, Budvar e Pilsner Urquell attendono il turista incauto e assetato.

Facebook comments

Website comments

Leave a Reply

Your Comment (Required)

Name (Required)

Email (Required)

Website